Le tue idee

  • 21/01 – Valeria – Le scuole paritarie, che ricevono tanti privilegi dallo Stato, devono reclutare il proprio personale dalle graduatorie statali. Si ridurrebbe così il precariato ed il lavoro nero nella scuola.
    A 120 persone piace - Mi piace >
  • 20/01 – Piperita Patty – Ricominciamo dalla scuola pubblica. Per prima cosa bisogna selezionare adeguatamente i Dirigenti che devono essere motivati e presenti in tutti i sensi.
    Bisogna quindi rivedere i criteri di assunzione degli insegnanti passando alla chiamata diretta da parte dei Dirigenti in base ad un curricolo di studi pertinente con il lavoro per cui si viene assunti.
    Un esempio: da 10 anni la lingua inglese è obbligatoria e materia d'esame alla scuola media. Nonostante ciò parecchi insegnanti di sostegno non la conoscono e non si preoccupano di conoscerla poichè nessuno glielo richiede.
    So bene che la chiamata diretta farà arricciare il naso a molti. So anche che quei molti mai chiamerebbero una colf da una graduatoria o ne assumerebbero una che non sa stirare.
    Bisogna anche trovare una soluzione per i Collaboratori scolastici. Oggi le loro mansioni, pulizia e sorveglianza, mal si conciliano con l'orario di servizio rendendo il loro lavoro troppo pesante e poco efficace.

    A 114 persone piace - Mi piace >
  • 20/01 – RITA – come ricostruire l'italia?
    1- rimettere i controllori per far rispettare le leggi...sui treni, sugli autobus,negli uffici, nelle aziende , nei tribunali, nelle strade, nei negozi, nelle scuole, negli uffici pubblici.
    2- rimettere sulle strade comunali -statali-autostradali personale per pulizie tombini, marciapiedi, erba e quant'altro (POSTI DI LAVORO)
    3-togliere tutti i finanziamenti ai comuni sperperoni e finanziare solo i comuni attivi....attivi nn sulla carta ma sugli effetti...strade-servizi-tutela ambiente-salute ecc (POSTI DI LAVORO).
    4-togliere tutti i denari pubblici ai politici...pagare solo uno stipendio doppio rispetto ad uno statale.
    5- nn far succhiare soldi alle mafie.....come??? con i controlli di ispettori in borghese e in incognito, altamente rigorosi.
    QUESTE SAREBBERO LE PRIME COSE DA FARE IMMEDIATAMENTE!!!!!!!!!POI ....STIPENDI UGUALI PER TUTTI....CASE PER TUTTI.....PENSIONE PER TUTTI.....CURA DELLA SALUTE PER TUTTI....NIENTE PIU' RICCHI .....MA TUTTI UGUALI.....CHI VUOLE MIGLIORARE RADDOPPIA IL SUO OPERATO..........TASSE PER CHI POSSIEDE TROPPO!!!!!!!!!!!

    A 114 persone piace - Mi piace >
  • 20/01 – RITA – inoltre e proseguo il pensiero precedente........tutela dei lavoratori da parte di sindacati nn lobbisti........ma associazionisti............niente piu' sprechi .....rsu nn servono.......scioperi nn servono......basta far rispettare le leggi di tutela dei lavoratori .........e poi chi sbaglia fuori.......... dimissioni e carcere per qualche anno con pagamento di multe salatissime...........in america il primo che sbaglia si dimette e paga.....in italia chi ammazza centinaia di persone
    o sbatte sugli scogli un transatlantico viene premiato col soggiorno a casa davanti al televisore e ad un bel piatto fumante di pastasciutta!!!!!!!!!!!

    A 117 persone piace - Mi piace >
  • 20/01 – ODIOIMONTI(AMOILMARE) – DOPO30 ANNI DI SERVIZIO BISOGNA DARE PART TIME E 1/2 PENSIONE
    A 126 persone piace - Mi piace >
  • 19/01 – alberto – il mio rammarico più grande è aver dato fiducia in un sindacato che si sta mostrando uguale agli altri, se non peggio.
    A 126 persone piace - Mi piace >
  • 18/01 – ros – da trentotto anni maestra in scuola a rischio: perché non progettare, con passione scienza e coscienza, una quotidiana e puntuale e entusiasmante attività didattica e non strabilianti e inefficaci progetti calati dall'alto?Sapete gli insegnanti hanno tanto da fare, anche senza i progettoni. Perché non eliminare prima di tutto scarafaggi insetti e sporcizia e polvere e tartaro e arredi scassati e il trionfo del brutto e dello sgarrupato e dell'insicuro dalle aule?
    A 125 persone piace - Mi piace >
  • 18/01 – nicole – Eliminare i dirigenti scolastici nelle scuole pubbliche: le funzioni di questi sarebbero divise tra DSA e "collaboratori" eletti dal collegio dei docenti; sul piano didattico e culturale agirebbe un comitato tecnico didattico eletto tra i docenti e ata con componente studentesca.; sì anche alla partecipazione delle famiglie e studenti. Effetti: risparmio e meno tensioni e meno confusioni nelle scuole.
    A 130 persone piace - Mi piace >
< ... 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 ... >
Video Banner PicBadge Manifesto
Partecipa

Contribuisci con le tue idee
alla discussione sui temi proposti
da Ricostruiamo l'Italia

Pubblica

Registrati
  • Facebook
  • Twitter
  • Youtube