Adesso e Domani. Percorsi, emozioni e diritti di un generazione

Parlare di giovani e del rapporto che intrattengono col sindacato: della distanza e dei limiti, ma anche delle esperienze positive di contaminazione e intreccio, è un modo per il sindacato di interrogarsi su di sé. Sul suo presente e sul suo domani.

Interrogarsi e sperimentare risposte, fin dalla destrutturazione di alcune liturgie organizzative, è infatti l'obiettivo di "Adesso e Domani. Percorsi, emozioni e diritti di una generazione", la due giorni di approfondimento, riflessione e dibattito organizzata dalla FLC CGIL per il 29 e 30 novembre a Roma negli spazi de "La città dell'altra economia".

La precondizione è condividere una lettura accurata dell'universo giovanile, rifuggendo dalla retorica paternalista e dai cliché per cui i giovani sono raccontati talvolta come bamboccioni, altre come sfigati. Per questo i lavori del seminario saranno aperti con la presentazione della più recente indagine in materia di precarietà "Storie precarie" commissionata dalla CGIL e dalla rivista "Internazionale", che saranno presentati da Francesca Della Ratta, ricercatrice ISTAT e curatrice, con altri, della ricerca.

Alla costruzione del quadro conoscitivo contribuirà anche la restituzione di altri lavori di approfondimento avviati dalla FLC che hanno preceduto l'organizzazione del seminario: approfondimenti sull'attivismo di giovani lavoratrici e lavoratori della conoscenza fuori e dentro il sindacato; sulle più recenti forme di partecipazione "on line"; e momenti di incontro, ascolto e confronto a livello territoriale con giovani attiviste/i. Si tratta, dunque del tentativo di confrontarsi con l'autorappresentazione dei soggetti in questione più che con una eterorappresentazione costruita da uno sguardo "altro".

La riflessione che svilupperemo sarà sollecitata anche dai contributi di Alessandro Coppola, ricercatore e docente, studioso di community organizing; Derrik De Kerckhove, massmediologo di fama internazionale ed erede di Marshall McLuhan; Giancarlo Visitilli, insegnante di lettere e autore del libro "E la felicità, prof?".

A partire da questi molteplici spunti si svilupperà il lavoro di tre gruppi tematici ai quali sarà affidato un compito di riflessione e proposta: è tempo di adeguare strumenti, pratiche e linee strategiche ai bisogni e alle domande di una quota crescente di persone che spesso, oltre a trovare lavoro precario o accesso bloccato nei settori della conoscenza, non incontra il sindacato come soggetto sociale in cui esercitare la propria partecipazione e lottare per i propri diritti.

La conclusione dei lavori sarà affidata ad una tavola rotonda alla quale parteciperanno Domenico Pantaleo, segretario generale FLC CGIL; Ilaria Lani, responsabile politiche giovanili della CGIL; Emanuele Toscano, sociologo e blogger; Federico del Giudice, studente e portavoce della Rete della Conoscenza.

Su questa architettura si intrecceranno videoracconti e brevi reportage che precipiteranno nella discussione spunti e idee dei tanti giovani incrociati nelle nostre sedi o in tutt'altri luoghi.