L'Italia sono anch'io

L'articolo 3 della nostra Costituzione stabilisce il principio di uguaglianza tra le persone, impegnando la Repubblica a rimuovere gli ostacoli che ne impediscano il pieno raggiungimento. Nei confronti di milioni di persone di origine straniera questo principio è disatteso.

La campagna l'Italia sono anch'io - lanciata nel 150° anniversario dell'Unità d'Italia da 19 associazioni - vuole riportare l'attenzione dell'opinione pubblica su questo tema e rimetterlo al centro del dibattito politico.

Per raggiungere questo obiettivo, l'Italia sono anch'io ha lanciato una raccolta di firme per due leggi di iniziativa popolare, una di riforma dell'attuale normativa sulla cittadinanza, l'altra sul diritto di voto alle elezioni amministrative. In molte regioni e città si sono costituiti comitati promotori locali che stanno raccogliendo le firme sui testi di legge.

Per firmare, aderire alla campagna e sostenere i comitati locali: scrivi a info@litaliasonoanchio.it

È di solo qualche giorno fa il discorso che il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha fatto ricevendo una rappresentanza dei “nuovi cittadini italiani” in cui si augura «che in Parlamento si possa affrontare la questione della cittadinanza ai bambini nati in Italia da immigrati stranieri. Negarla è un'autentica follia, un'assurdità. I bambini hanno questa aspirazione».

All'auspicio del Presidente, la Lega si oppone in modo compatto e si dice «pronta a fare le barricate in Parlamento e nelle piazze».